12 marzo 2015 scade termine per formazione addetti uso attrezzature di lavoro

Si rammenta che il prossimo 12 marzo 2015 scadrà il termine per completare il percorso formativo per il conseguimento del titolo di abilitazione da parte dei lavoratori addetti all’uso delle seguenti attrezzature di lavoro: piattaforme di lavoro mobili elevabili, gru a torre, gru mobile, gru per autocarro, carrelli elevatori semoventi con conducente a bordo, trattori agricoli o forestali, macchine movimento terra, pompa per calcestruzzo.

In particolare, in base a quanto previsto dall’Accordo Stato Regioni del 22 febbraio 2012, la scadenza riguarda i lavoratori adibiti, da prima del 12 marzo 2013 (data di entrata in vigore dell’Accordo stesso), all’uso di una o più delle attrezzature sopra indicate, che:

1)        non hanno mai frequentato corsi di formazione specifici per l’uso dell’attrezzatura (o non vi sia prova documentale  attestante la formazione ricevuta);

2)        hanno frequentato,  prima del 12 marzo 2013, corsi specifici di formazione per l’uso dell’attrezzatura, non rispondenti ai requisiti previsti dall’Accordo 22 febbraio 2012.
 
Nel primo caso, i lavoratori sono tenuti a frequentare l’intero percorso formativo previsto dall’Accordo, mentre, nel secondo caso, i lavoratori devono completare la formazione pregressa frequentando un “corso di aggiornamento” della durata minima di quattro ore.

In entrambi i casi, laddove l’attività formativa non venga effettuata entro la scadenza del 12 marzo 2015, i lavoratori non potranno più essere adibiti all’uso dell’attrezzatura, né potrà essere più sanata la formazione pregressa.
Pertanto, dopo tale data, l’abilitazione all’uso dell’attrezzatura potrà essere conseguita solo al termine dell’intero percorso formativo.

Si ricorda che Concert , tramite il proprio consorzio di Formazione KAIROS,  in qualità di soggetto formatore accreditato ex lege, organizza un corso di aggiornamento per l’abilitazione dei lavoratori all’uso dei carrelli elevatori

Commenti

Post più popolari

Pubblicata la direttiva 2014/68/UE sulle attrezzature a pressione

Seveso III, Ispra presenta due "app" per stabilimenti a rischio